martedì 23 agosto 2016

Traversine inquinate dell'Ilva di Taranto a Lugo

imagesMolti lughesi hanno appreso soltanto dai giornali, con stupore e un po' di preoccupazione, dell'arrivo di 415 tonnellate di traversine di legno inquinato provenienti dall'Ilva di Taranto.

Dalle notizie che sono trapelate dalle agenzie di stampa, questa operazione fa parte del vasto intervento di bonifica dello stabilimento Ilva di Taranto, tristemente famoso ormai in tutta Italia, e attualmente in parte sotto sequestro. Fra le operazioni di bonifica è previsto anche lo smaltimento di ingenti quantità di traversine di legno. Oltre alle 415 tonnellate, dovranno esserne smaltite altre 25 mila. Si parla quindi di quantità non indifferenti. Non è chiaro se tutte arriveranno a Lugo oppure se verranno smaltite in centri diversi, in altre zone d'Italia.

Posto che la bonifica del sito dell'Ilva è comunque una notizia positiva, dobbiamo preoccuparci per quello che sta arrivando?

Le notizie che trapelano sono scarse e le Amministrazioni, come al solito, tacciono.

Da ciò che siamo riusciti a capire, interpellando i nostri contatti in Puglia, pare che le traversine ferroviarie siano impregnate di creosoto, una miscela contenente, fra gli altri, anche i famigerati IPA, idrocarburi policiclici aromatici. Il creosoto veniva utilizzato, soprattutto in passato, come conservante del legno, specialmente per trattare proprio le traversine ferroviarie. Si tratta di una miscela classificata come pericolosa dal punto di vista chimico e anche dal punto di vista cancerogeno.

Dato che queste traversine, che altro non sono che rifiuti speciali pericolosi, stanno arrivando nella Bassa Romagna, sarebbe quantomeno opportuno che i Sindaci, che sono ancora la massima autorità sanitaria del territorio, facessero alcune necessarie verifiche, al fine di tutelare la salute pubblica.

Le traversine stanno arrivando al centro intermodale di Lugo perché l'azienda che si occuperà dello smaltimento/bonifica è di Lugo oppure dovranno essere caricate su autotreni e trasferite altrove?

Arriveranno al centro intermodale di Lugo tutte le 25 mile tonnellate sequestrate? Se sì, una volta trasferite su autotreni, avranno un impatto sul traffico locale? Quale?

A Lugo Terminal come verranno gestite le traversine? Verranno temporaneamente stoccate? Se sì, sarà all'aperto? Lo stabilimento è attrezzato per gestire le acque di dilavamento inquinate che si produrranno in caso di pioggia?

Verranno smaltite in discarica? Se sì, dove? Oppure verranno bruciate? Se invece verranno bonificate, come verranno poi impiegate?

Come molti lughesi preoccupati, attendiamo risposte dalle Amministrazioni e dagli enti preposti.

5 commenti:

  1. Ottime domande. Aspettiamo risposte chiare e precise.

    RispondiElimina
  2. Facciamo una scommessa.
    Arriveranno delle risposte?
    Risposte che abbiano un senso, intendo...

    RispondiElimina
  3. E l'opposizione di Lugo?
    Dorme?
    E' ancora in vacanza?
    E' in bagno?
    Fare un'interrogazione in Consiglio Comunale non costa nulla.

    RispondiElimina
  4. Gian Luca Baldrati31 agosto 2016 15:53

    In effetti l'opposizione latita parecchio. Non si capisce cosa ci stiano a fare in Consiglio Comunale.
    La risposta è arrivata, ma non dal Comune!
    Il Comune, anzi, l'Unione, non ne sapeva nulla, infatti ha chiesto delucidazioni alla Provincia.
    Sempre attento a quello che succede, quindi, il nostro Comune...

    RispondiElimina