sabato 2 ottobre 2010

Lugo armata?

Nel fine settimana, passeggiando per il centro di Lugo, c'è da rimanere scioccati nell'assistere all'involuzione culturale dimostrata dal Sindaco e dall'attuale Giunta. Sabato e domenica il Pavaglione è stato occupato, pur essendo area chiusa al traffico, oltre che da interessanti automobili storiche, ma anche nuove, da un accampamento militare. Nel bel mezzo del piazza del Pavaglione fanno bella mostra di sé un carrarmato, due cannoni e altri mezzi militari. La stessa pavimentazione del Pavaglione, devastata durante la Seconda Guerra mondiale dal passaggio dei carrarmati alleati e recentemente ristrutturata, vede la decisione del Sindaco di piazzarne uno proprio nel bel mezzo del quadriportico.

Come si fa a sostenere la pace e l'educazione alla pace e, nello stesso tempo, organizzare delle pagliacciate come quella che siamo costretti ad ospitare nel centro di Lugo per ben due giorni?

Già la manifestazione “Rombi di Passione”, con il suo rumore e i suoi gas di scarico, poco s'addice al centro storico di una città, ma i cannoni e il carrarmato superano ogni limite di decenza.

Noi manifestiamo tutta la nostra indignazione e invitiamo tutti i Lughesi che, come noi, non accettano l'occupazione militare del centro storico, a scrivere al Sindaco e alla Giunta, chiedendo spiegazioni di questa situazione in cui, mai, ci saremmo aspettati di trovarci a Lugo.

Gabriele Serantoni

Verdi Lugo – Costituente Ecologista

12 commenti:

  1. Gian Luca Baldrati2 ottobre 2010 17:39

    Questa è l'E-Mail che ho inviato al Sindaco e agli Assessori per ringraziarli di questa porcata:

    Grazie Sindaco.
    Grazie Assessori tutti.
    Questa sera, venerdì 1° ottobre, passeggiando nel centro storico di Lugo con mio figlio e la mia compagna, ho potuto ammirare la novità di Rombi di Passione 2010: la pagliacciata della ricostruzione di un accampamento militare americano.
    Ho così potuto vedere all'interno del Pavaglione, in bella mostra, un carrarmato e due cannoni, tutti mezzi inventati con l'unico scopo di portare MORTE e DISTRUZIONE.
    Il carrarmato e i due cannoni, oltre all'EVIDENTE legame con la sagra dei motori e dell'inquinamento, hanno anche un profondo valore EDUCATIVO e SIMBOLICO.
    Non solo il centro storico di Lugo viene invaso, per due fine settimana, da motori puzzolenti, rumorosi e inquinanti, ma ora dobbiamo assistere anche all'esposizione di mezzi militari dentro al Pavaglione.
    Grazie ancora Sindaco e grazie ancora Assessori, siete riusciti a farmi vergognare di essere lughese e di essere amministrato da voi.

    Gian Luca Baldrati

    Per chi vuole inviare E-Mail simili, questi sono gli indirizzi:
    sindaco@comune.lugo.ra.it, vicesindaco@comune.lugo.ra.it, costantinig@comune.lugo.ra.it, fiorinia@comune.lugo.ra.it, pasin@comune.lugo.ra.it, randip@comune.lugo.ra.it, scardovim@comune.lugo.ra.it, sughil@comune.lugo.ra.it, toschio@comune.lugo.ra.it, valgimiglis@comune.lugo.ra.it

    RispondiElimina
  2. questa è la mail che ho mandato ad un assessore

    gentile assessore
    considerando che la confusione nella testa degli italiani in questo momento storico è tanta, perchè aumentargliela nella nostra Lugo ?
    proporrei quindi che la prossima manifestazione debba chiamarsi non più "rombi di passione" ma rombi di cannone"
    faccia pressione per favore perchè questo equivoco debba finire
    grazie

    RispondiElimina
  3. Carissimi verdi,
    conosco bene quelli che organizzano Rombi di Passione e vi posso garantire che sono persone aperte ad ogni critica e miglioramento. In merito alla vostra sull'accampamento militare americano, mi hanno riferito di avere apprezzato molto il fatto che vi siate accorti della loro presenza, delle finalità e degli obiettivi della manifestazione. Concordano pienamente con voi sul fatto che bisogna adeguare la rievocazione storica dell'accampamento militare americano alle esigenze ecologiste del momento, perciò hanno promesso che l'anno prossimo, tutti i mezzi militari presenti, saranno alimentati a sterco umano e animale, e per evidenziare il messaggio pacifista ed ecologista della città, muniranno carro armato e cannoni di merda per bombardare il Pavaglione e la città di Lugo della materia biologica che più si addice all'uopo.
    Inoltre, mi hanno anche riferito che vi siete scordati di commentare il monumento alle stragi della strada allestito alle Pescherie della Rocca, che credo vi abbia lasciato completamente indifferenti, la giornata dell'Educazione Stradale, a cui i ragazzi hanno partecipano giusto per non andare a scuola di sabato, e il fatto che molte persone di loro sponte hanno deciso di collaborare come volontari per la raccolta dei fondi che Rombi di Passione devolve per sostenere opere e istituti di accoglienza.
    Vi ringrazio, quindi per la segnalazione e non vedo l'ora di assistere al bombardamento "verde" che Rombi di Passione vi ha promesso di realizzare.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, mi chiamo daria, sono di lugo e sono la mamma di un bimbo di 5 anni. Ho letto sul sito pavaglione.net la vostra lettera e sono arrivata sul vostro sito.
    l'anno scorso sono stata in piazza a rombi di passione e mio figlio non vedeva l'ora che ci fosse anche quest'anno. è montato sulle moto piccole e sui kart e ha pure visitato l'accampamento militare. i signori dell'accampamento lo hanno fatto salire sulle macchine, abbiamo fatto le foto e lui si è divertito un mondo. non mi pare proprio che fosse una pagliacciata e io ho spiegato a mio figlio che queste cose non devono più succedere e che l'accampamento è stata fatto per ricordarcelo e per non dimenticare quello che è successo in passato. poi ognuno è libero di pensarla come crede, ma noi ci siamo divertiti. cordiali saluti, daria

    RispondiElimina
  5. Per Gigi e per chi, purtroppo, è come lui.
    Il tuo sarcasmo rende del tutto onore alle parole di Ennio Flaiano che, come non mai, si adattano ai contenuti del tuo commento: "Se ammetterai che la merda è buona, dovrai mangiarla due volte al giorno".
    Gigi, buon appetito

    Livia

    PS: per chi, invece, si diverte, non ho alcuna parola da spendere! Però continuo a sperare che, prima o poi, il fondo lo toccheremo...

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Serantoni,
    mi chiamo Federico Lucchini e faccio parte della segreteria organizzativa di Rombi di Passione, evento voluto da Diemme e dalla associazione "Una Passione in Moto". Oggi molti amici oggi mi hanno segnalato la sua lettera pubblicata su Pavaglionelugo.net a cui ho risposto sul nostro sito http://www.rombidipassione.it/2010/10/04/lugo-armata-i-verdi-ci-criticano/
    Oltre alla critica, peraltro assolutamente legittima, la invito se vuole a collaborare con la nostra organizzazione a partire dalla prossima edizione. Un nostro sostenitore, Luciano, mi ha suggerito di integrare all'interno di Rombi un'area dedicata alla mobilità sostenibile (ad esempio con esposizione di mezzi ecologici, auto elettriche, bici elettriche...), che mi sembra un'ottima idea. Vuole mettersi in gioco insieme a Rombi? Può così passare dalla critica ai fatti. Per noi, chiunque voglia proporre e di conseguenza realizzare idee e progetti nuovi è sempre il benvenuto.

    RispondiElimina
  7. Gian Luca Baldrati5 ottobre 2010 16:33

    Di seguito la risposta che il Sindaco ha inviato a me e a tutti quelli che gli hanno scritto.

    La manifestazione “ROMBI DI PASSIONE”, da anni organizzata dall’Associazione “Una passione in moto” nel centro di Lugo con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, oltre a movimentare e ravvivare la nostra città richiamando un grande pubblico, ha scopo eminentemente benefico: quest’anno i fondi saranno devoluti a “Casa Novella” e ad “AVSI – Adozioni a distanza”, ed è legata al tema dell’educazione stradale, rivolta soprattutto ai più giovani, e per tale motivo gode del patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

    L’allestimento della simulazione di un campo militare all’interno del Pavaglione, proposta dall’ente organizzatore, ha il solo fine della rievocazione storica, senza in alcun modo essere associata a qualsivoglia esaltazione della guerra o dell’odio fra i popoli, alla stessa stregua di ogni documentario riferentesi al periodo bellico.

    L’Amministrazione Comunale di Lugo è in totale e sentita sintonia con l’Articolo n. 11 della Costituzione Italiana: “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

    Tutte le manifestazioni tese a ravvivare il nostro territorio: dalle iniziative culturali alle sagre enogastronomiche, dalle rievocazioni storiche ai mercatini e agli spettacoli nelle piazze, come indicato nel programma elettorale, si situano nello spirito della valorizzazione del tempo libero come fattore decisivo per la qualità della vita e rappresentano un asse strategico fondamentale per la crescita della nostra comunità.

    I più cordiali saluti.

    Raffaele Cortesi

    Gli proporrò di organizzare a Lugo il Gay Pride. Porta sicuramente un sacco di gente e non c'è dubbio che ravvivi il centro storico.

    RispondiElimina
  8. Di seguito una lettera aperta inviata da Angelo Ravaglia al Sindaco di Lugo e alla Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici di Ravenna in seguito al precedente fine settimana di Rombi di Passione.

    Rombi di passione fuori dal Pavaglione !

    Sabato scorso, 25 settembre,giornata dedicata al’educazione stradale, il Pavaglione (lato Est) ha ospitato l’esposizione di macchine sportive , più o meno elaborate per competizioni, con correlato stand di vendita di batterie per auto, sacrificando perciò il loggiato destinato al normale passeggio dei lughesi.

    Finora queste esibizioni erano avvenute solo all’esterno del Pavaglione.

    Ma quello che risultava davvero intollerabile era il volume assordante della musica proveniente dallo stand che trasformava l’abituale passeggio del sabato in una kermesse infernale da luna park, almeno dalle ore 13 alle 17.
    Per ore non si è visto un vigile.

    Alcune domande si impongono:

    - da chi è stato autorizzato (se lo è stato) tutto ciò?
    - cosa c’è di educativo in tutto questo dal momento che la manifestazione “Rombi di passione” si vanta di perseguire anche questo scopo?
    - è così che si pensa di rilanciare il Pavaglione , con questi rigurgiti di tardo Futurismo, di cui Lugo era uno dei cenacoli?

    Da ultimo, la Soprintendenza ai monumenti di Ravenna non ha niente da obiettare ad una sorta di profanazione, o quanto meno uso improprio , del loggiato del più bel monumento di Lugo?
    Angelo Ravaglia

    RispondiElimina
  9. Lasciate che le rievocazioni storiche le facciano gli storici suffragati da fonti certe e dal metodo storiografico. Mettere due cannoni e un carrarmato dentro al Pavaglione senza spiegazioni alcune di alcuno, nè tantomeno di commenti storiografici ai potenziali fruitori e per giunta nel contesto di in una manifestazione di motori nel centro di una cittadina, ha il significato di mettere insieme una raccogliticcia mostra senza capo nè coda. Vi dico la verità passando dalla piazza e vedendo quell'esaltato attempato che suonava cornamuse in piedi su un auto militare vestito da militare, ho provato non il senso del passato storiografico, ma un senso di compatimento.

    RispondiElimina
  10. paolo galletti8 ottobre 2010 12:06

    Non dubito delle buone intenzioni degli organizzatori : la romagna è terra di motori e può scappare la mano..
    Anche perchè oggi l'esaltazione del futurismo per la velocità e la guerra ( zam zam tumb, tumb) è diventata una vecchia storia "passatista".
    Non possiamo gingillarci ancora per molto con il petrolio e le guerre per averlo a basso prezzo.
    Inoltre non basta l'educazione stradale se si abituano i pargoli a scorazzare su mezzi pericolosi ( incidenti stradali prima causa di morte per i giovani).
    Insomma ,come è noto, di buone intenzioni è lastricato l'inferno.
    Quindi,accettando la proposta di dedicare una mostra ,questa sì nel centro di Lugo, alla mobilità sostenibile ed al genio romagnolo in questo campo che non manca, mi rendo disponibile con la'associazione eco a studiare la proposta,
    Che però deve essere staccata dal passato del motore a scoppio.
    Se proprio non si può fare a meno c'è una zona indutriale per scoppi,rumori e gas di scarico.
    Due parole sui cannoni ed il carro armato: i simboli sono molto forti.
    Pensate se fossero state esposte armi naziste..
    Erano americane ,certo, ma servono per uccidere e la guerra deve diventare un tabù per l'umanità.
    Io sostengo la tesi del film "l'uomo che verrà" e credo che quella esposizione,al di là delle intenzioni, sia stata un grave errore per la nostra città.
    paolo galletti
    associazione eco

    RispondiElimina
  11. Vi segnalo l'intervento di Mino Tinelli, responsabile dell'accampamento militare americano, sul sito di Rombi di Passione, che spiega il suo punto di vista (commento numero 9)
    http://www.rombidipassione.it/2010/10/04/lugo-armata-i-verdi-ci-criticano/

    RispondiElimina
  12. Gian Luca Baldrati11 ottobre 2010 02:03

    Ho letto l'intervento di Mino Tinelli.
    Forse le persone che non hanno gradito il carrarmato all'interno del Paglione non sono poi così poche come lui crede, visto che di lettere al Sindaco ne sono state inviate altre, non solo la mia. Personalmente posso dire che la maggior parte delle persone con le quali mi sono confrontato hanno condiviso che quella manifestazione era fuori luogo.
    Comunque:
    1) Continuo a non capire quale sia il messaggio di pace sottinteso nel far vedere un accampamento militare all'interno del Pavaglione. Condivido in pieno il commento di Stefano (commento n. 9)
    2) Posto che non gradisco tutta la manifestazione Rombi di Passione e, se proprio la si deve fare, visto che comunque piace a molta gente, la vedrei meglio fuori dal centro storico, magari nella zona industriale o in zona dogana (non a caso è partita una raccolta firme spontanea fra i residenti del centro in tal senso), continuo a non capire quale sia il legame fra Rombi di Passione e l'accampamento militare.
    3) Consiglio la lettura dell'intervento di Tinelli. Contiene una considerazione a dir poco fantastica: l'accampamento militare è stato allestito anche in altre città e, in alcuni casi, per sdrammatizzare la presenza dei mezzi militari, hanno donato tante caramelle e dolciumi ai bambini. Fantastico!

    RispondiElimina