mercoledì 2 aprile 2014

No ai diserbanti in centro abitato

foto2No ai diserbanti pericolosi in centro abitato e vicino ai parchi pubblici

Dichiarazione di Gabriele Serantoni candidato Sindaco dei Verdi

Nella foto, scattata ai margini dell'area verde di Via Rivali San Bartolomeo, potete ammirare l'effetto di massicce dosi di diserbanti sull'erba cresciuta dopo le recenti piogge.

Invece di tagliarla con mezzi meccanici si sono usate dosi massicce di diserbanti pericolosi per la salute e per la falda acquifera.

Questo ai margini di un'area verde frequentata da umani con bambini e cani.

I diserbanti sono perlopiù a base di glyfosate considerato pericoloso per la salute.

Il regolamento di igiene del Comune di Lugo vieta l'uso di pesticidi di prima e seconda classe in area abitata.

In ogni caso prevede avvisi preventivi alla popolazione e cartelli di pericolo.

Non sappiamo se il diserbante usato sia di prima o seconda classe.

Certamente non sono stati messi cartelli.

Sarebbe necessario comunque vietare totalmente l'uso di pesticidi e diserbanti in tutte le aree urbane del comune di Lugo, per tutelare la salute pubblica.

Gabriele Serantoni - Candidato Sindaco del Comune di Lugo per i Verdi

6 commenti:

  1. basta con questa follia dei veleni sparsi in aree pubbliche

    RispondiElimina
  2. angelo minguzzi E' d2 aprile 2014 16:57

    La partricolare sensibilità alle tematiche ambientali non esime dalla correttezza dell'informazione sotto l'aspetto tenico e scientifico.
    " massicce dosi di diserbanti"; perché dite massicce? può darsi che abbiano usato le dosi sufficenti a raggiiungere lo scopo; perché avrebbero dovuto spendere di più?.
    "Invece di tagliarla con mezzi meccanici si sono usate dosi massicce di diserbanti pericolosi per la salute e per la falda acquifera"; come informazione è squilibrata, nella FORMA in cui confronta i due metodi alternativi di intervento. Da un lato il mezzo meccanico, citato in maniera asettica; dal'altro l'intervento chimico, con la sua quantità eccessiva, la sua pericolosità e la precisazione degli interessati da tale pericolosità: la salute e la falda acquifera. Nella SOSTANZA l'affermazione è gratuita; occorrerebbe sapere quale prodotto è stato usato e a quali dosi per poterne accertare la reale pericolosità

    "Questo ai margini di un’area verde frequentata da umani con bambini e cani." Appunto, è separato da una recinzione: come fa la presunta pericolosità a manifestarsi se non c'è il contatto con i soggetti destinatari?

    "I diserbanti sono perlopiù a base di glyfosate considerato pericoloso per la salute". Non sapendo se era glyfosate o un altro principio attivo, non si può stimare la sua pericolosità. Nel caso specifico del glyfosate, come si manifesta la sua pericolosità sulla salute?

    "Il regolamento di igiene del Comune di Lugo vieta l’uso di pesticidi di prima e seconda classe in area abitata." Il glyfosate è dal 1982 /1992?) è in terza classe tossicologica.

    "In ogni caso prevede avvisi preventivi alla popolazione e cartelli di pericolo."

    "Non sappiamo se il diserbante usato sia di prima o seconda classe". Appunto.

    "Certamente non sono stati messi cartelli." Grave, sw c'è reale pericolo.

    "Sarebbe necessario comunque vietare totalmente l’uso di pesticidi e diserbanti in tutte le aree urbane del comune di Lugo, per tutelare la salute pubblica." Comunque?! Ditelo subito, allora, che è questa la soluzione: spiegatemi però come fate a contrastare la gramigna che penetra e sgretola l'asfalto? con mezzi meccanici? ma quando compare e quindi sarebbe aggredibile con zappa o badile l'asfalto lo ha già rovinato.
    La soluzione vera, a mio avviso, sta in una scelta ponderata tra le diverse alternative, valutando i REALI i rischi e i costi. Nel caso specifico, non vedo perché non si sia sfalciata l'erba,visto che era facilmente accessibile con mezzi meccanici. Questa era la prima cosa da chiarire. Ma in Comune cosa vi hanno detto? Visto che l'E-Mail non verrà pubblicata, la mia è minguzziangelo@libero.it

    RispondiElimina
  3. appunto
    qui si potevano usare i mezzi meccanici.
    per il resto aspettiamo delucidazioni dal Comune di Lugo che ha l'obbligo di vigilare e di fare
    rispettare il suo regolamento di igiene.
    Allo stato dell'arte l'allarme non poteva che essere dubitativo.
    In ogni caso prima o terza classe non è acqua fresca.
    E ci sono Comuni ,in Italia che hanno vietato l'uso di pesticidi e diserbanti nei centri abitati.
    Visto poi che sosteniamo l'agricoltura biologica e biodinamica se ne può fare a meno anche nei campi coltivati.

    RispondiElimina
  4. Prodotti fitosanitari Per prodotti fitosanitari si intendono le sostanze attive ed i preparati contenenti una o più sostanze attive, destinati ad essere utilizzati per il controllo degli organismi nocivi delle colture, per il controllo delle piante infestanti nelle coltivazioni e per regolare o favorire le produzioni vegetali.
    Le fasi più pericolose dell’impiego dei fitosanitari sono quelle della produzione e della manipolazione (specialmente se i preparati sono molto attivi). E’ pericolosa anche la dispersione di fitosanitari diluiti a meno che questi non siano attivi su insetti, piante ecc. in concentrazioni sicuramente non pericolose per l'uomo (es. alcuni moderni derivati del piretro).
    mente non pericolose per l'uomo (es. alcuni moderni derivati
    L’uso dei prodotti fitosanitari può avere conseguenze sulla salute umana. I contatti diretti possono portare intossicazioni acute e croniche con effetti letali, mutageni, cancerogeni, teratogeni e sviluppo di malattie allergiche. Possono esserci contatti indiretti attraverso l’assimilazione di eventuali residui contenuti negli alimenti di origine vegetale o animale o per acqua ed ambienti contaminati a causa di usi incontrollati
    ed impropri oltre a scorrette pratiche di gestione degli imballaggi post trattamento.
    Classi di pericolosità dei Prodotti Fitosanitari
    Nuova classificazione
    Simbolo
    Vecchia classificazione
    Molto tossico T + Tossico T
    T+/T
    MOLTO TOSSICO/TOSSICO
    I classe
    Nocivo (Xn)
    Xn
    NOCIVO
    II classe
    Irritante (Xi)
    Xi
    IRRITANTE
    III classe IV classe
    Non classificato
    “Attenzione manipolare con prudenza”
    III classe IV classe

    RispondiElimina
  5. angelo minguzzi E' d5 aprile 2014 15:40

    La stessa informazione di Paolo presentata così

    Nuova classificazione Simbolo Vecchia classificazione

    Molto tossico (T+) Tossico (T) Teschio I classe
    Nocivo (Xn) X II classe
    Irritante (Xi) X III classe IV classe
    Non classificato “Attenzione manipolare con prudenza III classe IV classe

    RispondiElimina
  6. angelo minguzzi E' d5 aprile 2014 15:52

    Non funziona. Scompaiono gli spazi per incolonnare le informazioni.
    Proviamo così:

    Nuova classificazione...........................Simbolo...................Vecchia classificazione

    Molto tossico (T+) Tossico (T) ............Teschio T+/T........................I classe
    Nocivo (Xn).......................................X NOCIVO ..........................II classe
    Irritante (Xi) .....................................X IRRITANTE.......................III classe IV classe
    Non classificato ............“Attenzione manipolare con prudenza” .......III classe IV classe

    RispondiElimina